• Intervista Messerschmitt

    Intervista al gruppo romano dei Messerschmitt a cura di Beppe "HM" Diana per la sua fanzine/blog "Forging Steel". Quanta passione ci vuole a portare avanti un progetto musicale in un paese da sempre considerato di seconda fascia come il nostro nel quale anche le band storiche fanno fatica ad andare avanti e ad imporsi all’interno di una scena musicale asfittica arrivando a raccogliere solo briciole?... CONTINUA A LEGGERE CLICCANDO SUL TITOLO

  • ApoGod Project

    Il progetto musicale si prefigge di raccontare e reinterpretare in musica l'Antico Testamento, prima parte della Bibbia; da qui il nome del gruppo, che prende le mosse dalla visione "apocrifa" e "apostatica" dei due autori riguardo il testo sacro cristiano. CONTINUA A LEGGERE CLICCANDO SUL TITOLO.

  • Gruppi metal giapponesi (Prima parte)

    Prima parte dello speciale sui gruppi metal giapponesi. I gruppi saranno presentati con un breve nota e con un loro brano. CONTINUA A LEGGERE CLICCANDO SUL TITOLO

  • Female Metal Singers (Prima parte)

    Prima parte dello speciale sulle cantanti donne nel metal. Le cantanti saranno presentate con un breve nota e con un loro brano. CONTINUA A LEGGERE CLICCANDO SUL TITOLO

  • All Female Metal Band (Prima parte)

    Prima parte dello speciale sulle band "All Female" del metal. Le band saranno presentate con un breve nota e con un loro brano. CONTINUA A LEGGERE CLICCANDO SUL TITOLO

Metal Zone CD

Consigli musicali da Metal Zone Italia

Recensioni anni 90

Candle Opera – Dream Theatre

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

CANDLE OPERA - DREAM THEATRE

Autore: CANDLE OPERA
Titolo: DREAM THEATRE
Anno: 2010 (Reissue)
Etichetta: Cult Metal Classic
Nazione: Canada
Genere: Heavy Metal, Power Metal
Stato: Split Up

Anno della prima pubblicazione del lavoro: 1992

  

‎Dalle ceneri dei “Solar Eagle”, il batterista Rob Straughan e il bassista Zsolt Henczely danno vita nel 1990, a Toronto in Canada, ai “Candle Opera”, ai quali si uniscono nel 1991 i due chitarristi Cari Rain Gates e Damien Graves.‎ 

Il cantante fu trovato solo nel 1992 e rispondeva al nome di Randy Bryte, il quale in pochissimo tempo completo i brani già scritti dal grupo componendo le melodie e scrivendo i testi.

Nello stesso anno il gruppo realizzo il loro primo e unico lavoro, un demo composto da quattro pezzi dal titolo “Dream Theatre”.

Se non fosse stato per l’etichetta “Cult Metal Classic”, che grazie ad una dedizione unica nel recuperare classici del metal che altrimenti sarebbero persi per sempre in polverosi cassetti o scaffali, non avremmo mai potuto ascoltare questo piccolo gioiello di power/heavy metal.

Nel 2019 l’etichetta “Cult Metal Classic” da alle stampe questo CD dal titolo “Dream Theatre” a cui, ai quattro pezzi del demo omonimo, aggiunge altri quattro pezzi inediti scritti dalla band “Candle Opera”. 

‎‎Il CD si apre con “Quiet Minds (Now I Know)” con un riff distorto, un pesante tempo di batteria e poi la voce di Randy Brite che prende le redini del brano e lo fa correre nelle praterie del metal.
La voce di Randy è unica, sa fare cose impossibili con la sua ugola, melodie, note acute, accenno di “growl”, clean vocals e cosi via, un repertorio unico ben supportato dalle magie chitarristiche dei due axeman.

Si prosegue con “I Can Feel It (In Your Eyes)”, dove un ottimo intro di batteria lascia il posto alla linea di basso “ruffiana”, molto orecchiabile, brano di una classe unica dove la voce di Randy gioca sulla melodia e ancora una volta troviamo i due chitarristi sugli scudi. Un brano veramente bello.

Con “Base Sick” siamo immersi in una semi ballad con ottimi cambi di tempo e un lavoro sotteraneo di grandissimo livello della sezione ritmica. Inizio melodico da brividi.

Un giro di basso apre l’ultimo brano del demo, “War”, dove Randy torna nuovamente padrone del campo facendo suo il brano e offrendo una prestazione da grandissimo vocalist. Il brano offre anche uno dei migliori lavori chitarristici dell’album.

“Don’t Look Now” è il primo dei brani non presenti originariamente nel demo, qui inizia anche un cambio di produzione rendendo questo brano e i successivi tre un po’ più “pesanti”.
Il brano inizia con il classico riff metal e un urlo gutturale del vocalist, brano molto cupo con sonorità e voce vicine al mondo thrash metal.

“The Island”, la potremmo definire la ballad dell’album, con i dovuti distinguo in quanto a fasi più melodiche si alternano passaggi più duri. Altra grandissima prova di Randy.
“Psycho X” offre ancora una volta grandi parti di chitarra solista ed è la canzone più power metal dell’album. Anche in questo brano la voce di Randy cerca di esplorare territori thrash metal. L’ultimo brano “Bring on the Evil”, è un meraviglioso inno, stupendo pezzo con la voce di Randy su territori “growl”.

Con “Dream Theatre” siamo di fronte ad un capolavoro, uno di quei dischi che capita raramente, peccato che i Candle Opera non abbiano avuto la fortuna che si meritavano.

Questo CD è la dimostrazione che nel mondo della musica non basta la bravura e la professionalità dei musicisti occorre un ottima promozione e tanta, ma tanta, fortuna.

Album consigliatissimo.

Tracklist:
01. Quiet Minds (Now I Know)
02. I Can Feel It (In Your Eyes)
03. Base – Sick
04. War
05. Don’t Look Now *
06. The Island *
07. Psycho-X *
08. Bring On The Evil *
* bonus tracks

Line-up:
Zsolt Zs. Zsarnay – Bass
Rob Straughan – Drums
Cari Rain Gates – Guitars
Damien Graves – Guitars
Randy Bryte – Vocals